Fisco e Calcio Dilettantistico

Il volume si articola in quindici capitoli in ciascuno dei quali si affrontano le diverse discipline dettate per i vari tributi che hanno come destinatari le società e le associazioni sportive dilettantistiche.

Nel Capitolo 1 viene trattata la natura giuridica delle associazioni sportive dilettantistiche con particolare riguardo agli obblighi imposti dalla normativa agli statuti delle stesse associazioni.

Il Capitolo 2 tratta della disciplina degli enti non commerciali, tra i quali sono annoverate le associazioni sportive.

Nel Capitolo 3 viene approfondita la trattazione della disciplina tributaria cui soggiacciono le associazioni sportive dilettantistiche con particolare riguardo alla base imponibile IVA ed alla determinazione del reddito imponibile delle stesse. Particolare attenzione viene posta ai diversi sistemi di tenuta della contabilità, ordinaria, semplificata e, da ultimo, con il criterio di cassa.

 Il Capitolo 4 è riservato, invece, alla disciplina tributaria ed agli adempimenti delle società sportive dilettantistiche di capitali ed al loro inserimento tra i soggetti che optano per la legge n. 398 del 1991.

Il Capitolo 5 illustra la disciplina tributaria delle attività spettacolistiche con particolare riguardo al regime IVA ed alla normativa sui titoli di accesso.

Il Capitolo 6 è riservato alle agevolazioni recate a favore dello sport dilettantistico dalle varie leggi succedutesi nel tempo, definendo destinatari, condizioni di applicabilità, opzione e trattamento tributario sia ai fini delle imposte sui redditi che ai fini IVA.

Nel Capitolo 7 è trattata la disciplina fiscale delle erogazioni liberali corri sposte alle società e associazioni sportive dilettantistiche con particolare attenzione alla disciplina sulla tracciabilità dei pagamenti e dei versamenti.

 Nel Capitolo 8 vengono tracciate le linee di difesa a favore dell’applicazione del principio del favor rei, a seguito delle normative favorevoli all’associazionismo sportivo succedutesi nel tempo.

 Il Capitolo 9 tratta ampiamente della disciplina ai fini IRAP delle società e associazioni sportive.

 Il Capitolo 10 è dedicato alla disciplina fiscale cui soggiacciono gli emolumenti a dipendenti, collaboratori, lavoratori autonomi ed a soggetti che operano nell’ambito dilettantistico (atleti, arbitri, dirigenti, ecc).

Nel Capitolo 11 sono riportate e commentate le disposizioni in favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche, ivi comprese quelle in materia di tasse, registro, bollo, concessione governativa, pubblicità, Tari e quelle riguardanti il 5 per mille.

Nel Capitolo 12 viene riportato un quadro di sintesi degli adempimenti e delle agevolazioni fiscali dello sport dilettantistico.

Il Capitolo 13 riporta la disciplina introdotta con i decreti legislativi del 2017 sul Terzo Settore.

Il Capitolo 14 illustra le modalità del Modello F 24 online e tratta dell’istituto del ravvedimento operoso e della dichiarazione integrativa a favore e a sfavore.

Il Capitolo 15 è dedicato all’azione di controllo dell’Amministrazione finanziaria ed alla modalità del reclamo e/o ricorso avverso gli accertamenti. Dopo il Capitolo 15, è riportato un memorandum delle principali scadenze fiscali corredato delle aliquote IRPEF vigenti e dei codici dei più ricorrenti tributi.

 Infine, in appendice sono riportate le leggi, i decreti legislativi e ministeriali, le Circolari e le Risoluzioni emanate nel tempo dall’amministrazione finanziaria e, più recentemente, dall’Agenzia delle entrate.

All’interno del volume trovano, poi, collocazione i modelli di dichiarazione REDDITI, IVA, IRAP ed altri facsimile di modelli che le società sono chiamate ad usare per un corretto adempimento degli obblighi che alle stesse incombono.

Sfoglia il volume

Consulta il volume

Note sull'autore

Edmondo Caira è tra i massimi esperti nella disciplina tributaria delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche. Già Dirigente del Ministero dell’Economia e delle finanze con specifica

competenza relativamente alla disciplina contabile e fiscale degli enti non commerciali e, quindi, degli enti associativi, l’Autore conosce profondamente le problematiche dello sport dilettantistico.

Infatti, ha ricoperto per molti anni cariche onorifiche di vertice prima nella Lega Nazionale Dilettanti, in seno alla quale ha scalato tutti gradini dirigenziali fino ad essere eletto dalle società della stessa Lega, sul finire degli anni ’80, alla prestigiosa carica di Vice Presidente nazionale, e poi nella F.I.G.C., rivestendo per circa un decennio la carica di Consigliere Federale. Ha collaborato alla stesura di gran parte della normativa e delle Circolari e Risoluzioni concernenti la disciplina fiscale dello sport dilettantistico, ed in particolare delle disposizioni recate prima dalla legge n. 398 del 1991 e, poi, dall’art. 90 della legge n. 289 del 2002. Ha pubblicato numerose opere, a carattere fiscale, anche a livello universitario. Già Consigliere del Presidente della LND, per le questioni giuridiche e fiscali, Presidente della Commissione Fiscale della LND e Componente della Commissione fiscale del CONI. E’ oggi responsabile del Centro Studi Tributari della LND di recente costituzione.